MPPU italia

Giornata sul gioco d'azzardo a Manerbio (Brescia)

Solitamente, quando si parla di dipendenze, ognuno di noi pensa alla droga, all’alcool, al fumo: tutte problematiche che ci coinvolgono ormai da parecchi anni e di cui nessuno, nemmeno un ragazzino, può dire di non aver mai sentito parlare. Ma, strisciante e silenziosa, da alcuni anni si sta diffondendo la mania del gioco d’azzardo: le macchinette, i gratta e vinci, per capirci, ma anche tutte quelle forme, quasi innocenti, della ricerca della vincita milionaria; senza tralasciare l’ancor più subdolo e privatissimo sistema di gioco proposto attraverso la rete. Giocare quindi, non per divertimento, per socializzare, per scaricare tensione, ma per vincere, e vincere soldi…come se ciò fosse facile! Col pensiero assurdo che qualcuno sia disposto a regalarteli! Questo problema, assai trascurato, è stato al centro di una giornata di riflessione proposta alla cittadinanza di Manerbio.

 Si sono fatti promotori di ciò: Acat, Acli, Age, Agesci, Caritas, Movimento dei  Focolari, l’Istituto Istruziuone Superiore B. Pascal, la Parrocchia, l’Oratorio  e l’Amministrazione Comunale. Ne è nata una collaborazione proficua e rara nella storia del nostro paese: per cinque  mesi si sono  incontrati diversi responsabili di queste realtà con lo scopo preciso di parlare del problema “gioco d’azzardo” e proporre quindi alcuni momenti di riflessione per tutti. Un momento importante questo della preparazione: ciascuno, nel suo specifico e a seconda delle proprie competenze e conoscenze, ha dato un apporto per favorire il nascere dell’iniziativa.
Così, il 12 novembre, il tutto si è concretizzato in una serie di proposte.
Il mattino presso l’Istituto Blaise Pascal erano presenti più di 200 studenti delle classi quarte e quinte, i quali avevano preparato due video per l’occasione, che sono stati proiettati all’inizio. Hanno fatto seguito due interventi di specialisti: il dottor Simone Feder, responsabile di una Comunità che si occupa di dipendenze in generale, e il dottor Paolo Crepaz medico dello sport. Un video sulle scarse probabilità di vincite ha suscitato molta curiosità. E’ emersa la contrapposizione tra il gioco che dovrebbe essere un forte stimolo per una buona crescita psico-fisica, e la visione che se ne ricava dalla pubblicità, la quale, sul finire dello spot, ammette che il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza.
Nel pomeriggio presso la Sala Mostre del Comune di Manerbio si è tenuto l’incontro con alcuni amministratori e Angela Fioroni, rappresentante della Lega per le Autonomie della regione Lombardia, la quale,  molto esperta in materia di leggi e regolamenti ha dato qualche suggerimento ai sindaci intervenuti sul come regolamentare e arginare l’avanzata delle richieste di installazione di slot-machine nei locali. “Abbiamo aderito molto volentieri alla  proposta.  La mobilitazione delle associazionismo ci incoraggia a prendere iniziative più efficaci”, è stato il commento della vicesindaco di Manerbio.
 E’ sorta così, da parte degli Amministratori presenti, la proposta di organizzare una conferenza allargata ai Sindaci dei comprensorio allo scopo di individuare insieme i possibili atti amministrativi per contenere il dilagare del triste fenomeno, con provvedimenti territorialmente omogenei.
La sera c’è stato un momento rivolto alla cittadinanza, coordinato dalla giornalista del “Giornale di Brescia” Flavia Bolis.
Ha aperto l’incontro la Dott.sa Abrami, responsabile del NOA di Leno che ha introdotto il problema della dipendenza dal gioco, sul piano medico, illustrandone i rischi fino alla patologia, che richiede interventi specialistici e mirati.
Il secondo relatore, Federico Denti, un giovane esperto di matematica, ha intrattenuto, direi piacevolmente, i presenti, proponendo una riflessione sul gioco e sulle sue probabilità di vincita;
non erano solo numeri e dati, ma indovinelli, immagini, relazioni percepibili e il tutto ha coinvolto il pubblico in un percorso di coscientizzazione.
Anche l’intervento di chiusura, tenuto da Angela Fioroni, ha suscitato molto interesse, perché collegato all’aspetto delle scelte politiche che stanno alla base di questa diffusione serpeggiante del gioco d’azzardo.
Una iniziativa quindi riuscita, un sasso gettato nell’acqua per un primo approccio a questo problema, che può essere molto grave, perché spesso ad esso si collegano anche altre dipendenze, come conseguenza.
Rimane una bella esperienza di lavoro in rete  tra diverse realtà dello stesso territorio in modo particolare con l’Amministrazione Comunale con la quale si sono gettate le basi per una collaborazione anche per altre iniziative in futuro.

Scarica la locandina document 20151112_locandina_gda_manerbio (105 KB)

Forum per la fraternità in politica

MPPU italia

Il Mppu Italia mette a disposizione questo Forum il cui obiettivo è il dialogo su temi di attualità e cultura politica nella diversità e con l'orizzonte della fraternità universale. Per partecipare al Forum occorre condividere il Patto di adesione (scarica il documento) e chiedere l'iscrizione.

Entra nel Forum

L'attualità politica

Blog da sfogliare

Umanità Nuova
a cura della Segreteria Internazionale

Lavori in corso verso la realizzazione del bene comune

Unum Multiplex
a cura di Pasquale Ferrara

Percorso critico alla ricerca di una cultura del dialogo tra le civiltà

NetOne.org
a cura della rete internazionale di NetOne

Nodi dell'informazione e della comunicazione nell'attualità

MPPU - Movimento politico per l'unità

2009-2012 MPPU - Movimento politico per l'unità
MPPU fa parte di "New Humanity”, ONG fondata nell'anno 1987 che gode dello Status Consultivo Generale presso il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC).
Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Il sito è stato realizzato con un software libero rilasciato con una GNU/GPL License.
Annette Löw: webmaster@mppu.org

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.